Seguici su Facebook

Itinerari della Romagna

Cosa Visitare in riviera e nell'entroterra

Il fascino della Riviera Romagnola esplode nel suo entroterra. Non solo mare e spiagge quindi, ma anche dolci colline, tanto verde ed una storia artistica di grande pregio. Durante una vacanza in Riviera è d’obbligo andare alla scoperta della sua parte interna, dei borghi medievali da cui trasuda cultura e delle sue città d’arte, così da scoprire anche l’altra faccia della Romagna. In bicicletta, in camper, a piedi nel verde, a cavallo: sono tante le modalità per godere delle bellezze del territorio, mentre tra itinerari spirituali, culturali e storici ci si renderà facilmente conto dell’immenso patrimonio artistico e naturalistico custodito dalla Riviera Romagnola. Imperdibili sono i borghi che si trovavano nel periodo medievale sotto il dominio dei Malatesta, famiglia di Verucchio che dominò la Romagna per oltre 2 secoli lasciando numerose tracce della loro presenza; tra queste le Rocche ed i Castelli che spiccano nel panorama verdeggiante dell’entroterra romagnolo. Inoltre gli appassionati d’arte dovranno necessariamente visitare Ravenna, città Patrimonio dell’Unesco per i monumenti paleocristiani e le opere bizantine che ne fanno una delle città d’arte più importanti del nostro Paese. Gli amanti del verde e dello sport all’aria aperta potranno divertirsi un mondo in Romagna: vi sono infatti i sentieri per mountain bike che esplorano i monti Ventasso e Cimone, e quelli per cicloturisti lungo il fiume Enza e le valli del Parco del Delta. Ecco gli itinerari più affascinanti e suggestivi della meravigliosa Romagna:

Gli Itinerari:

  • Montebello e la Leggenda di Azzurrina

    La storia narra della giovanissima figlia di Ugolinuccio Malatesta, Guendalina che scomparve misteriosamente all'età di otto anni, mentre giocava rincorrendo una palla di stracci all'interno della fortezza del castello di Montebello.

  • Verucchio

    Verucchio è stata costruita nella bassa Valle del Marecchia, al confine con la regione del Montefeltro e con la Repubblica di San Marino.

  • Santarcangelo

    Santarcangelo è un borgo medioevale che ha conservato intatto durante i secoli il suo fascino antico. La storia del paese ha radici antichissime, e vede nella famiglia Malatesta, la dinastia che portò alla costruzione della roccaforte.

  • Montegridolfo

    Il ricchissimo patrimonio di Montegridolfo è stato restaurato con cura e amore, tanto da trasformarlo in uno dei borghi più belli e uno dei centri turistici più rinomati dell'entroterra romagnolo.

  • Montescudo

    Le origini di Montescudo non sono ben note; si pensa ai Celti, agli Etruschi. In una località, alla periferia del paese chiamata monte Godio, fu trovata una statua in argilla, alta circa 1 metro, che probabilmente doveva rappresentare una divinità etrusca.

  • Bertinoro

    La leggenda racconta che la nobildonna, figlia dell'Imperatore Teodosio, ebbe la possibilità di assaggiare il tipico vino della Romagna. La dolce bevanda le fu offerta in una normalissima coppa di terracotta e, dopo aver bevuto il buonissimo vino, esclamò la frase che avrebbe dato il nome al borgo della Romagna.

  • Saludecio

    È tradizione far risalire l'origine di Saludecio a Traiano Decio, imperatore romano, che avrebbe trovato scampo sulle colline, edificando la propria abitazione. Di qui salus Decii o saltus Decii (Saludecio) .

  • Mondaino

    Il nome Mondaino fa probabilmente riferimento ai daini che un tempo si trovavano numerosi nei boschi di questa zona ed appartiene ad una piccola cittadina che riserva numerose sorprese tra cui una bellissima piazza e una rocca da cui si può ammirare un panorama completo sul mare e sui monti.

  • Savignano sul Rubicone

    Savignano sul Rubicone si trova a metà strada tra Rimini e Cesena, dai quali dista 15 chilometri, lungo la via Emilia e l'asse ferroviario Bologna-Rimini.

  • Gradara

    Oggi Gradara, oltre la monumentale Rocca, offre al visitatore anche la sua duplice cinta di mura e torrioni con le merlature e i camminamenti di gronda ricostruiti.

  • Montefiore Conca

    La felice posizione delle terre di Montefiore ha portato gli uomini a stabilirsi in questi luoghi molto prima dell’epoca medievale.

Pagine Itinerari 1